GeniuSuite

Come creare una presentazione super con Google Presentazioni

presentazioni google come creare una presentazione perfetta

Quale argomento avranno affrontato questa volta Daniele Biancardi e Alessandro Bencivenni? Il team di Attenti a Quei 2 ci porta a scoprire quali sono i segreti e i trucchi di Google Presentazioni che, soprattutto in questo periodo periodo dell’anno, a ridosso delle sessioni di esami, si rivelano molto utili. 

Ecco, dunque, come realizzare delle presentazioni perfette con Google. 

Google Presentazioni: cos’è e come si accede al servizio

Google Presentazioni è uno degli strumenti della Workspace for Education che ti supporta nella realizzazione di presentazioni per la scuola o per l’attività lavorativa. 

Per accedere a Google Presentazioni basta entrare nel proprio account Google Drive, cliccare sul tasto in alto a sinistra caratterizzato dal simbolo + e dalla scritta “Nuovo” e avviare una Presentazione.

Come utilizzare Google Presentazioni: tutorial

Partiamo da una Presentazione vuota. Sulla schermata di destra compariranno una serie di temi grafici ai quali attingere per personalizzare il lavoro. 

Il consiglio è quello di scegliere il tema prima di iniziare a creare una presentazione, altrimenti il lavoro svolto su una pagina in bianco potrebbe non essere compatibile con il tema scelto in un secondo momento. 

Come modificare le misure delle diapositive in Google presentazioni

Noterai che tutti i template suggeriti da Google si presentano in una misura standard. 

Vediamo come cambiare le misure di una Presentazione Google. 

Se la tua scelta ricade su “Personalizza” puoi utilizzare sia i pixel che i cm come unità di misura. Grazie all’opzione personalizza puoi creare presentazioni in verticale, come un foglio A4, in orizzontale o perfino quadrate. 

Come modificare lo schema delle diapositive in Google Presentazioni

Un’altra opzione molto interessante offerta dallo strumento è quella di poter modificare lo schema delle slide in Google presentazioni. 

Questo si rivela molto utile nel caso tu voglia inserire un elemento che si ripete su tutte le diapositive. Un esempio potrebbe essere il voler inserire il nome dell’autore su ogni slide. 

Per farlo:

L’elemento inserito, in questo caso un testo, si ripete su ogni slide poiché diventa parte integrante del tema. A questo punto non sarà più modificabile, se non dalla slide Schema principale.  

Come inserire un’immagine come sfondo nelle Presentazioni Google

Se hai l’esigenza di inserire un’immagine come sfondo della tua presentazione il procedimento è molto semplice. 

Ti basta cliccare dal menù in alto la voce Inserisci, cliccare sulla voce Immagine e poi Carica dal Computer o Cerca nel Web

A questo punto potrai cercare qualunque immagine tramite le parole chiave di tuo interesse e inserirla nella presentazione. 

Tutte le immagini che il motore di ricerca metterà a disposizione sono libere da copyright e possono essere utilizzate senza freni. 

Inoltre, puoi adattare l’immagine che hai scelto alla misura della slide, andando ad allargarla o restringerla. 

Un piccolo trucco! Le immagini scelte come sfondo possono essere un pò scure o ricche di colore, rendendo illeggibile il testo che andrai a inserire. Per facilitare la lettura puoi andare sulla voce Opzioni formato, cliccare su Regolazioni e aumentare il livello di trasparenza dell’immagine di sfondo. 

In questo modo l’immagine sarà ancora perfettamente visibile ma lo sarà anche il testo inserito. 

Quali tool utilizzare per abbinare i colori

Ti suggeriamo un tool che potrà essere di grande aiuto quando si ha difficoltà ad accostare i colori, Contrast Checker

In sostanza questo strumento parte da un colore principale e ti fornisce i colori che creano un contrasto ideale con il primo scelto. In effetti non si tratta solo di trovare un giusto abbinamento cromatico, questa tipologia di strumenti ti aiuta a trovare le tonalità giuste per facilitare la lettura. Di strumenti di questo tipo che ne sono a iosa, te ne suggeriamo qualcun’altro:

E per completare il discorso sugli sfondi delle presentazioni Google, ecco un altro trucco. Cliccando su Sfondo e scegliendo la voce Colore noterai l’opzione Gradiente. Questo comando ti permette di ottenere uno sfondo sulla slide dall’effetto sfumato. 

Come mascherare le immagini inserite in Google Presentazioni

Per mascherare un’immagine in una presentazione ti basta cliccare sulla freccia in corrispondenza del simbolo del ritaglio, in alto. Successivamente vai su Forme e scegli la figura preferita tra tutte quelle disponibili. 

Basterà cliccare sulla forma per ottenere nell’immediato l’immagine mascherata. 

Se hai bisogno di inserire più di un’immagine all’interno di una singola slide puoi selezionarle, come prima, dal Web o dal tuo dispositivo anche tutte insieme e poi ridimensionarle con il mouse per poterle gestire una alla volta. 

Come realizzare le animazioni in Google Presentazioni

Ormai la nostra slide è ricca di immagini. Ma come fare per animarle? Ti basta selezionare l’immagine di riferimento, cliccare in alto su Inserisci, cliccare il tasto Animazione e si aprirà un menù a tendina laterale.

Da questo menu puoi selezionare diversi tipo di animazione, come ad esempio la Dissolvenza in entrata. 

Le animazioni che è possibile inserire sono tantissime e anche la loro velocità può essere personalizzata a piacimento. 

Le animazioni valgono sia per le immagini che per le caselle di testo. 

Per vedere l’anteprima delle animazioni inserite clicca su Riproduci

Durante una lezione usare le presentazioni Google arricchite da animazioni può rivelarsi davvero utile, in quanto è più probabile che i concetti spiegati restino ben impressi nelle menti degli alunni se associate ad immagini. 

Abbiamo già anticipato che le animazioni possono essere applicate anche alle caselle di testo, ma c’è di più. Nel caso in cui il tuo testo sia un elenco puntato potrai applicare l’animazione ad ogni singola voce dell’elenco, spuntando dal menu a tendina delle animazioni la voce Per paragrafo.  In questo modo spunterà fuori sulla slide ad ogni clic una voce di testo alla volta. 

Come applicare una transizione alle slide in Google Presentazioni

Abbiamo visto come animare immagini o testi all’interno di una singola diapositiva. A questo punto scopriamo come applicare una transizione tra una diapositiva e l’altra, ovvero un effetto animato tra slide. 

Per farlo clicca la voce in alto, Diapositiva. Scegli la voce Transizione e si aprirà un menù  tendina sulla destra. 

Puoi scegliere tra vari effetti e puoi anche stabilire di applicarlo a tutte le diapositive. Per vedere un’anteprima dell’effetto ottenuto clicca su Riproduci

Come scegliere e modificare i Font all’interno di Presentazioni Google

Partiamo da un consiglio che va al di là del lato tecnico. Utilizzare tanti font tutti diversi tra loro, esagerare con i colori o con gli elementi inseriti all’interno di una diapositiva può essere controproducente, poiché non aiuta nella lettura e nella comprensione del contenuto. Il consiglio, quindi, è di non esagerare. 

Una volta fatta la doverosa premessa, vediamo come modificare i font per i testi. 

Inserisci una casella di testo e scrivi il tuo contenuto. In alto il menu mostra il nome del font in questione che di default è Arial. Cliccando su quella voce si aprirà un menù a tendina che ti mostra una serie di altri font disponibili, che puoi selezionare per modificare il tuo testo. 

E se i font a disposizione non dovessero bastare o essere difficili da individuare? Nessun problema. Puoi avvalerti di uno strumento che si chiama Google Font, utilissimo per visionare il font giusto per il tuo progetto. 

Come fare per inserire un suono all’interno di una presentazione Google

Una prima semplice modalità è quella di cliccare sulla voce Inserisci, scegliere l’opzione Audio e inserire un File in formato Mp3, presenti già su Drive. 

Tuttavia, puoi integrare questa funzionalità sfruttando l’estensione di Chrome chiamata Mote. 

Grazie a questo strumento sarà facile registrare e inserire i file audio nella slide. 

Come fare a linkare le slide in Presentazioni Google

Potrebbe essere molto utile raccogliere in una diapositiva l’indice che fa riferimento a tutte le slide create e linkarle insieme. Come fare? Non ti resta che scrivere i testi riassuntivi come un vero e proprio indice, selezionare il testo di interesse che vuoi si colleghi ad una determinata slide e, cliccando sul simbolo del link in alto, seleziona la slide di riferimento. Non dimenticare di cliccare su Applica per attivare il collegamento.

Come spostare una slide da una presentazione all’altra in Google Presentazioni

Se hai progetti diversi ma che vuoi integrare l’un l’altro con alcune dispositive già create clicca sulla slide e scegli con il tasto del mouse copia, torna nella prima presentazione e incolla nel punto che della presentazione che preferisci.  

Domande e risposte della nostra community su Presentazioni Google

Come fare a condividere con gli alunni una presentazione Google sulla quale possano lavorare senza modificare la versione originale?

Si può preservare la presentazione originale creando una copia e condividerla con gli alunni, che a loro volta possono modificarla. 

Oppure puoi condividere la presentazione in modalità Visualizzazione, così saranno gli alunni a creare una loro copia modificabile. 

Il tasto condividi è in alto a destra, ben riconoscibile perché giallo. 

Google Fonts funziona anche su Google Sites?

Si. 

Conclusioni

Google Presentazioni è lo strumento perfetto per organizzare le lezioni a distanza, per realizzare ottime presentazioni in vista degli esami o anche per condividere progetti. 

I nostri appuntamenti sono arrivati quasi alla fine prima delle vacanze estive ma abbiamo riservato una grande sorpresa. Il prossimo appuntamento sarà dedicato ai rapporti umani, alle domande e a tante altre novità e giochi. 

L’appuntamento è live, il 4 giugno alle ore 17:30. Ti aspettiamo per un aperitivo virtuale. Per partecipare iscriviti al canale Youtube e attiva la campanella.  

Se hai delle domande e vuoi interagire con la nostra community siamo ben lieti di accoglierti a farne parte. 

Per terminare, se anche tu stai studiando per ottenere la certificazione e diventare Certified Educator di livello 1, ti consigliamo di Leggere i suggerimenti di Monica su Come usare Google Presentazioni. Vi troverai spunti fondamentali per superare l’esame.

Alla prossima. 

Exit mobile version